Viaggio in Normandia: DAY12

Viaggio in Normandia: DAY12

Au revoir, France…

Oggi ci svegliamo un po’ tristi: il nostro bellissimo viaggio sta per finire! 😦

Restano da concludere alcune formalità prima di partire in treno da Nantes verso Parigi: facciamo gasolio e riconsegnamo l’autovettura. Il problema fondamentale – che ci è costato un po’ di mal di testa, in quanto il sito web della Hertz non spiega bene questa situazione e siamo quindi satati costretti a chiedere lumi alla rappresentante Hertz all’atto della consegna del mezzo a Parigi – è che l’agenzia Hertz la domenica mattina è chiusa… giustamente, direi! Il tutto si risolve parcheggiando l’automobile in prossimità dell’agenzia – che si trova giusto di fianco alla “gare” di Nantes – e compilando il relativo documento di consegna: lo imbuchiamo nell’apposita buca delle lettere dell’agenzia Hertz e siamo a posto. Ovviamente, non si lascia nulla al caso: ci sinceriamo che il parcheggio sia possibile di domenica e facciamo alcune foto per testimoniare l’ottima cura con cui abbiamo riconsegnato la macchina.

Giusto il tempo per un caffè ed un ultimo croissant al bar della stazione, e già arriva l’ora di partire: il nostro treno è un treno ad alta velocità (una TGV interno) che ci porta in circa un paio d’ore a Parigi, alla stazione di Montparnasse. Da qui, prendiamo la metro e ci spostiamo alla Gare de Lyon, dove pranziamo e da dove nel pomeriggio prendiamo il TGV per Milano: arriviamo a Porta Garibaldi dopo cena.

Siamo estremamente felici di questi splendidi 12 giorni in giro per la Francia, e torniamo a casa piendi di bei ricordi, di souvenir e di foto –  e pronti ad organizzare, non appena ci sarà possibile,  una nuova vacanza estiva in Bretagna!

Advertisements

Viaggio in Normandia: DAY11

Viaggio in Normandia: DAY11

Mappa degli spostamenti di oggi

normandy-map-day-11

Dinan

Oggi ci svegliamo un po’ tristi: è il nostro ultimo giorno di viaggio, domani purtroppo saremo di ritorno in Italia 😦 Il nostro itinerario di oggi ci fa puntare verso sud per oltre 150 km: dobbiamo raggiungere Nantes, dove passeremo la notte e domattina prenderemo il treno di raccordo per Parigi. Lungo il tragitto abbiamo pianificato la visita di un delizioso borgo medievale che si chiama Dinan, a pochi kilometri da Saint-Malo.

Il centro abitato antico di Dinan risale circa al XIII secolo , è attorniato da possenti mura e si trova su una ripida altura che sovrasta il fiume Rance.  Arriviamo in macchina e troviamo parcheggio lungo le rive del Rance: sono quasi le 9 del mattino, e sul fiume sono attraccate parecchie barche a vela di piccole dimensioni, giunte qui con ogni probabilità dalla Manica risalendo la corrente. Facciamo pochi passi ed ecco lo splendido ponte in pietra, accessibile sia dai pedoni che dalle macchine – a tutti gli effetti è l’unico attraversamento  possibile sul fiume. Ma a quest’ora di macchine non se ne vedono ancora, e di gente pure…anzi, no: attraversa il ponte un signore anziano e si dirige verso la antistante panetteria dove pochi minuti prima abbiamo comprato una bella fetta di Kouign-Amann (evviva la linea!) per fare colazione. Ci nota e ci saluta con un “Bonjour et… bon apetit!”. Sorridiamo e ricambiamo il saluto con calore.

Il tempo di scattare qualche foto e partiamo ad affrontare la temibile Rue Jerzual, anche se il tempo è bello e fa ancora discretamente fresco… Rue Jerzual (o Rue du Petit Fort, dipende da quale altezza la imboccate) è l’unica via di accesso al borgo medievale di Dinan: è una ripidissima strada in salita lastricata di pietre lisce, sicuramente tremenda da affrontare quando piove e nelle ore più calde (o una combinazione delle due, volendo). Ai lati della Rue, che è in leggera curva, si notano edifici a graticcio bellissimi che ospitano gioiellerie e piccole botteghe d’arte…ovviamente sono tutte chiuse perché è sabato mattina. Saliamo piano, per non stancarci subito, e notiamo che ci sono persone che fanno jogging in discesa dal borgo e (folli) in salita verso di esso. Arriviamo in cima alla Rue ed ecco di fronte a noi il portale di ingresso alla città alta (ricorda le porte di Bergamo alta): varcato questo, si apre una piccola piazza, attorno alla quale si snodano dedali di vie strette dal sapore medievale e letteralmente addobbate con gli stendardi bretoni e del comune. Oggi probabilmente è giorno di mercato: ci sono varie bancarelle nelle piazzette del borgo (sia “turistiche” che non) e con il passare delle ore si vede sempre più gente. Ci spostiamo in Rue de l’Horloge ed alzando lo sguardo vediamo la piccola torre a punta dell’orologio comunale. Proseguiamo e troviamo alla nostra sinistra uno stranissimo edificio a graticcio con porticato e attorno alle finestre decorazioni lignee a forma di gnomi, leprecauni e altre figure fantastiche. Deve essere un bar e spaccio di prodotti tipici, ce ne sono moltissimi qui a Dinan. Proseguiamo lungo la piazzetta ed entriamo nella vicina basilica di Saint-Sauveur, che come moltissime chiese che abbiamo visitato nel nostro viaggio mostra una commistione di stili, sintomo del fatto che la sua costruzione/ammodernamento ha richiesto un arco di più secoli. All’interno, l’organo suona melodie spezzettate: dai manifesti affissi, apprendiamo che domani sera c’è un concerto d’organo ed evidentemente l’organista sta provando i brani…prima di uscire, ammiriamo un coloratissimo ciclo di vetrate che rappresenta le vite di molti santi. Dietro la chiesa c’è un ampio giardino verde che un tempo ospitava un cimitero inglese: passeggiamo fino ai parapetti, dai quali si apprezza una vista incredibile sulle mura cittadine, sulla parte bassa di Dinan, sul Rance e – purtroppo – sull’orribile viadotto automobilistico che è stato costruito proprio sul nostro versante dell’altura.

Oggi è il nostro ultimo giorno in Bretagna: ne approfittiamo per entrare in uno spaccio di prodotti tipici e facciamo scorta di souvenirs alcolici: calvados, tanto bel sidro artigianale – sia dolce che brut –  e anche una piccola scorta della celeberrima birra bretone all’acqua d’oceano “Mor Braz”, del birrificio Mor Bihan di Theix …mannaggia, nei nostri piani originari avremmo dovuto proseguire il viaggio in Bretagna fino a raggiungere proprio quelle zone: Carnac, la penisola del Quiberon ed appunto il golfo del Morbihan… peccato, demandiamo tutto ad un prossimo viaggio con obiettivo unico: Bretagna! Ovviamente, dopo lo shopping siamo decisamente più “pesanti”, ma è tutto calcolato: avevamo spazio nei nostri zaini e ci eravamo sapientemente attrezzati con borse porta-bottiglie già prima di partire 😉 Lasciamo per il momento il carico alcoolico alla gentile esercente dello spazio, per poi tornare dopo pranzo a riprenderlo. Cominciamo a sentire un languorino: Sara ed io ci guardiamo negli occhi e decidiamo di concludere la nostra vacanza normanno-bretone con un ultimo giro di moules frites… attendiamo pochi minuti fino all’apertura di una moulerie che pare molto caratteristica. Oltre che caratteristica, fa delle moules frites squisite e abbondanti: io le mangio al sidro, Sara al Rocquefort… accompagnamo il tutto con sidro dolce artigianale. Con la pancia piena e il cuore  soddisfatto, passiamo a ritirare le bottiglie e ci incamminiamo  sulla Rue Jerzual mentre il sole estivo ci massacra… fortunatamente siamo in discesa! Raggiungiamo la macchina e ripartiamo: la città bassa è ora piena di turisti ed attraversare il ponte di pietra sul Rance diventa un’operazione lenta e non priva di pericolo quando si incrociano altre autovetture in senso opposto (il ponte è largo si e no una corsia e mezzo…)

Verso Nantes

Ci dirigiamo verso sud: viaggiamo su strade a scorrimento veloce, e ci mettiamo circa un paio d’ore a raggiungere Nantes. Infatti, è un caldo sabato pomeriggio di agosto: i francesi escono tutti dalle città e si dirigono verso le spiagge sull’Atlantico… e come se non bastasse oggi è la giornata conclusiva del Festival Interceltico di Lorient, dunque molti saranno diretti proprio lì! Sulla tangenziale che circonda Rennes (che purtroppo non abbiamo il tempo di visitare, ma ne sarebbe valsa decisamente la pena) rimaniamo incastrati in un “bouchon”: restiamo fermi fortunatamente per poco tempo e riprendiamo verso Nantes, dove troviamo un po’ di coda in tangenziale – ma fortunatamente questa volta noi andiamo in senso opposto ai vacanzieri! Facciamo – per l’ultima volta nel nostro viaggio – check-in al BnB Hotel di Nantes, situato a Saint-Sebastien (non lontano dalla riva sud della Loira), ci riposiamo un po’ e facciamo una doccia; per cena ci spostiamo a Nantes in cerca di una pizzeria o di un locale aperto, ma niente da fare: stessa situazione accaduta esattamente 7 giorni fa a Le Havre…ma dove spariscono tutti i francesi il sabato sera??? Ripieghiamo dunque su un tranquillo ristorante a pochi km dall’hotel, dove mangiamo una galette, e poi ritorniamo per la notte.

CONTINUA CON Viaggio in Normandia: DAY12 …

Viaggio in Normandia: DAY10

 

Viaggio in Normandia: DAY10

Mappa degli spostamenti di oggi

normandy-map-day-10

 

Saint-Malo

Oggi andiamo dritti in Bretagna! Destinazione: il département dell’Ille-et-Vilaine, dove visiteremo nel mattino Saint-Malo e poi ci sposteremo nel pomeriggio attraverso il litorale della penisola, fino a raggiungere Cancale entro sera.

Saint-Malo è una città portuale antichissima separata da un altro grande centro abitato, Dinard, dal largo estuario del fiume Rance. Giungiamo in auto verso le 10 e la nostra buona stella non si smentisce: troviamo parcheggio in uno stradone poco lontano dal porto…dunque, un’ottima occasione per avvicinarsi a piedi ai bastioni della città fortificata , che è letteralmente stata eretta su un grande scoglio nella punta nord-occidentale della penisola. Il porto è strapieno di barche: è estate, e Saint-Malo è un notissimo punto di ritrovo per gli appassionati di vela e un luogo ideale per chi fa windsurf! C’è una leggera brezza di mare, e si preannuncia una giornata molto calda. Entriamo a piedi in città attraversando i bastioni (questa parte della città è chiamata “intra-muros”) e non possiamo non notare che il traffico è già vivace e per strada ci sono molti turisti e “maloins”… Immaginiamo solo lontanamente cosa voglia dire cercare parcheggio nelle strade della città vecchia, quanto costi e soprattutto quanto possa essere difficile manovrare nelle stradine! Decisamente meglio muoversi a piedi. Saliamo verso la Cattedrale di Saint-Vincent, ma prima di entrare a visitarla mettiamo il naso dentro una boulangerie per la colazione e finalmente troviamo il dolce che da mesi leggiamo essere tipico di queste zone: il Kouign-Amann! Mentre ne mangiamo una bella fetta per strada, ammiriamo gli scorci offerti dalle case. Saint-Vincent è una chiesa con planimetria su più livelli – attenzione ai gradini, quindi! – come poche ne abbiamo viste… forse San Pietro in Ciel d’Oro a Pavia può assomigliarle in parte. Nella chiesa troviamo la tomba di Jacques Cartier, originario proprio di Saint-Malo, primo europeo ad esplorare il Canada.

Torniamo in strada e decidiamo, anche se non ne siamo proprio convintissimi, di andare a visitare la “Demeure du Corsaire”: residenza di lavoro dell’armatore corsaro François Auguste Magon de la Lande, vissuto nel XVII secolo e accreditato presso il Re Sole. Al giorno d’oggi la dimora è divenuta l’Hotel d’Asfeld, ma certe sue parti sono visitabili in qualità di casa-museo. L’ingresso costicchia, ma è compresa una visita guidata e dobbiamo dire che – anche se ci è stato raccontato tutto in francese – non ci siamo persi una singola parola del racconto grazie alla bravura della guida. Visitando le stanze ci si immerge nella storia di Saint-Malo, delle antiche compagnie commerciali che partivano da qui alla volta di paesi esotici da poco scoperti, nella vista dell’armatore Magon… la spiegazione è bella perché è tenuta proprio nelle stanze dove l’armatore incontrava i suoi clienti ed è possibile ammirare numerosi reperti dell’epoca: armi (archibugi, cannoni, spade), modellini e stampe di velieri, riproduzioni di mappe geografiche dell’epoca – le adoro, mobilio d’epoca, senza contare una bella selezione di spezie esotiche.  Usciamo dalla visita decisamente soddisfatti! Se ci fosse tempo, andremmo anche a vedere la mostra dedicata alla cartografia antica che è pubblicizzata per le vie della città…ma purtroppo il tempo non c’è, che peccato!

Dopo un bel panino innaffiato con sidro dolce, consumato sui tavoli in strada di un minuscolo caffè in centrissimo, attraversiamo la città fino al lato ovest delle mura, da cui si accede ad un’incredibile spiaggia che per metà è di sabbia e per metà di scogli: il panorama è mozzafiato, la spiaggia è abbastanza affollata e al largo c’è una moltitudine di vele e di moto d’acqua. La vista è bellissima sulle isole del Grand Bé e del Petit Bé: la prima è teoricamente raggiungibile a piedi quando la marea è bassa, ma ora risulta completamente sommersa. Ad ogni modo, non avremmo comunque avuto il tempo di visitarla. Ci arrampichiamo sugli scogli della spiaggia e restiamo qualche minuto a contemplare questo posto meraviglioso: la brezza di mare ci fa dimenticare che è il primissimo pomeriggio (e già sappiamo che pagheremo cara questa dimenticanza: a fine giornata infatti saremo entrambi un po’ scottati per il sole!). Continuiamo  la passeggiata sui bastioni “costeggiando” la statua di Surcouf e dirigendoci ad est: davanti a noi si vede chiaramente il Fort Nationale. Proseguiamo ancora qualche decina di metri e poi scendiamo di nuovo intra-muros per dirigerci verso l’automobile: ora c’è davvero un mucchio di gente per strada!

Un bagno gelido alla Plage du Verger

Recuperiamo la macchina e usciamo da Saint-Malo lungo la D201, che attraversa la penisola verso est. Fa davvero caldo, ci sono 30°! Decidiamo quindi di fermarci un’oretta a fare i “turisti da spiaggia” per rinfrescarci… Lungo il tragitto di oggi, sapevamo dell’esistenza di una spiaggia molto bella, a Le Verger. Il navigatore ci porta in prossimità della spiaggia e notiamo che tutti hanno avuto la nostra stessa idea: ad entrambi i lati della piccola strada asfaltata costiera c’è una fila interminabile di automobili parcheggiate! Manco a farlo apposta, troviamo come al solito parcheggio non distante dall’ingresso della spiaggia e finalmente ci troviamo uno spazietto sulla sabbia, tra la massa enorme di persone che c’è qui – per fortuna la spiaggia è molto grande. Stendiamo un asciugamano e ci spogliamo – sotto c’è già il costume, siamo previdenti! – e ci dirigiamo verso l’acqua: è gelidissima! La Manica è decisamente diversa dal Mediterraneo. Riesco a bagnarmi i piedi fino alle caviglie ma poi desisto, è troppo fredda…Sara invece ad entrare fino al collo per qualche decina di secondi, poi risale anche lei 🙂

Pointe du Grouin

Ci asciughiamo al sole, ci rivestiamo e ripartiamo verso la punta nord-orientale della penisola, detta Pointe du Grouin. Questo lembo di terra è un’oasi naturale visitabile a piedi da cui si gode di un panorama magnifico su entrambi i lati della penisola, quello verso Saint-Malo e quello verso Cancale. Lasciamo la macchina in una piccola area di sosta predisposta per i turisti e prendiamo un piccolo sentiero tra l’erba che ci porta fin sulla scogliera: da qui ammiriamo l’Ile des Landes, dalle caratteristiche formazioni rocciose, sulla quale si riproducono cormorani neri ed altre specie di uccelli. Se avete buona vista e imbroccate una giornata dal cielo terso, da qui potete vedere in lontananza Mont-Saint Michel – ovviamente lo zoom della macchina fotografica viene in aiuto! Nel piccolo canale tra la scogliera e l’isola, non manca il passaggio occasionale di barche a vela e persone che pescano.

Torniamo sul sentiero principale, passiamo di fronte ad una casa matta abbandonata (residuo bellico) e ci spingiamo fino al punto più a nord della Pointe: da qui si ammira un panorama incredibile…ed è un peccato non poter attendere fino al tramonto, perché davvero ne varrebbe la pena.

Cancale

Concludiamo il nostro tour di oggi riprendendo la macchina ed entrando a Cancale. Cancale è una piccola cittadina, ma è famosa a livello planetario perché viene ritenuta la capitale dell’ostricultura, ed in effetti Cancale vive attorno a questa: ci sono molti ristoranti, soprattutto sul lungomare, che offrono specialità di mare – non solo ostriche, ma ogni genere di frutti di mare (escargots de mer, coquilles Saint-Jacque, ricci, etc..) senza contare il pescato “ordinario”. Siamo venuti a Cancale proprio per farci una bella mangiata di frutti di mare! Io dal canto mio non ho mai assaggiato le ostriche e questo mi pare il posto giusto per la mia iniziazione.

Prima di cena, andiamo a goderci l’imminente tramonto sul pontile di legno al quale attraccano piccole barche: c’è bassa marea e le barche sono in rada, appoggiate su un fianco. Sotto il sole, il bagnasciuga generato dalla marea che si ritira brilla come se fosse disseminato di diamanti e si fa fatica a tenere gli occhi aperti. Dall’altro lato del pontile si notano distintamente i “filari” degli allevamenti di ostriche…stanno a pochi metri dalla riva ed ora che c’è bassa marea è momento di raccolta: alcuni operai muovono un piccolo trattore sul bagnasciuga e caricano le ostriche su dei pianali. Dove vanno a finire tutte queste ostriche? Ai ristoranti, certo. Ma noi sappiamo già che possiamo assaggiarle direttamente al bordo della spiaggia. Infatti, pochi metri oltre il pontile, c’è una piccola piazzetta adibita ai banchetti dei venditori di ostriche fresche al dettaglio: è proprio qui dove vogliamo gustarci le ostriche, direttamente dal produttore al consumatore!!! Di banchetti ce ne sono una decina, tutti con prezzi simili ma formule diverse ma tra loro: c’è chi non si scomoda a vendertene meno di una dozzina, chi invece te ne dà quante ne vuoi. Il fattore comune è questo: ti aprono con il coltello davanti agli occhi le ostriche che vuoi (ci sono diverse tipologie, le migliori e più grandi sono le “creuses”), ti danno un piattino ed un coltellino di plastica per gestirle, e se vuoi ti danno uno spicchio di limone… dopo di che, slurp, te le bevi crude! Ero curiosissimo di assaggiarle: per iniziare ne abbiamo prese 6 per 5€, dopo di che siamo tornati per un’altra mezza dozzina dallo stesso banchetto e nel marasma ci ha fatto pagare solo altri tre euro, per simpatia. Morale: 9€ per 12 ostriche. Dove nel mondo le puoi mangiare più fresche, buone ed economiche? Le abbiamo apprezzate tantissimo, seduti su una specie di mulattiera di fronte ad un tratto di spiaggia ormai irriconoscibile perché completamente ricoperto di gusci d’ostrica. Tutti, finito di mangiare le ostriche, lanciano i gusci sulla spiaggia… e gli uccelli marini ringraziano.

E’ ora di cena…dopo l’aperitivo di ostriche, mangiamo il pesce in un ristorante sul lungomare: un antipasto di molluschi, del pesce alla griglia e concludiamo con dolci bretoni – io resto fedele al Kouign-Amann mentre Sara tenta il Far Breton. Il sole è ormai tramontato: facciamo quattro passi sul lungomare e poi torniamo in macchina a Saint-Malo per la notte, stanchi ma felicissimi della giornata e …un po’ scottati in volto 🙂

CONTINUA CON Viaggio in Normandia: DAY11 …

Viaggio in Normandia: DAY09

Viaggio in Normandia: DAY09

Mappa degli spostamenti di oggi

normandy-map-day-09

Verso Avranches

Dopo una serena nottata, facciamo i bagagli e torniamo a Bayeux a fare colazione – passiamo in pasticceria, slurp! – e a completare il giro dei souvenir, dopo di che facciamo una breve sosta al Carrefour per fare gasolio e comprare l’acqua e le pile per la macchina fotografica di Sara. Partiamo quindi per Avranches, dove facciamo velocemente check-in al B&B Hotel e mangiamo un hamburger al Buffalo Grill. E’ primo pomeriggio: esattamente il momento in cui avevamo pianificato di partire per l’unica visita di oggi – a Mont Saint-Michel.

Mont Saint-Michel

Sulla storia del Monte non vi diremo nulla, sarebbe fatica sprecata tanto è ben conosciuta. Ciò che invece è meno conosciuto è che da pochi mesi prima del nostro arrivo la Baia del Monte è assolutamente interdetta al traffico automobilistico: un tempo si poteva giungere fino alle pendici della roccia in auto e parcheggiare – maree permettendo – in loco; ora non è più possibile farlo dal momento che sono in corso massicce opere di spostamento di materiali dalla Baia e – parallelamente – di convogliamento delle acque del torrente Couesnon. Queste operazioni serviranno a calmierare la forza delle maree che da sempre mutano il la conformazione del paesaggio nei dintorni del Monte e dunque a dare stabilità all’area… stabilità anche in senso “turistico”, dato che ora i visitatori (che qui sono più di 3 milioni ogni anno!) sono costretti a lasciare l’automobile a circa 3 km dal Monte in parcheggi asfaltati non coperti in cui sbrigativi parcheggiatori estorceranno loro la cifra 8€, con i quali si ha diritto alla sosta ed al trasferimento in autobus fino all’ingresso del Monte (e viceversa). L’organizzazione del flusso turistico è ancora incompleta, e lo si denota anche dal fatto che la gente – noi compresi – è costretta a coprire a piedi sotto il sole agostano il tratto di circa un km che la separa dal parcheggio alla fermata delle navette… poco male per noi, ma abbiamo visto persone anziane in serio annaspamento lungo la camminata; c’è anche da dire che è una giornata molto calda, di sicuro la più calda di tutta la vacanza (oltre che afosa, cosa strana!)

Ci avviciniamo in auto al parcheggio e già si vede benissimo la silhouette del Monte: i dettagli appaiono ai nostri occhi poco per volta, durante il tragitto in navetta, e non possiamo non volare con l’immaginazione ai destini di tutti i pellegrini che nei secoli si sono recati qui a piedi da chissà dove!

Sarò sincero con voi: Mont Saint-Michel non mi ha entusiasmato, l’ho trovato da subito molto caotico e turistico. Se ci andate nella speranza di trovare atmosfere medievali e silenzi meditativi nell’area abbaziale, bè, ricredetevi – almeno che non andiate in momenti dell’anno decisamente fuori stagione oppure al mattino prestissimo. Ciò che invece mi ha colpito è stata la Baia: Sara ed io decidiamo – vista la bassa marea intorno al Monte – di toglierci le scarpe e di farci una camminata sul fondo limaccioso lasciato dalle maree, in cui i piedi affogano fino ai talloni. E’ divertentissimo! Bisogna però fare attenzione ai laghetti che permangono e a non scivolare, ovviamente. Ci sono tante persone che “circumnavigano” il Monte, si scorgono temerari che vanno anche molto al largo e gruppi che si godono il paesaggio a cavallo. Come potrete immaginare, da qui si gode una vista magnifica sul Monte e sull’Abbazia. Dopo un’accurata – ma purtroppo per forza di cose incompleta – pulizia dei piedi effettuata seduti su uno scoglio, torniamo a piedi all’ingresso del borgo del Monte, costituito da una sola stretta via (la Grande Rue) che spiraleggia fino in cima alla roccia, lungo la quale si può misurare la più grande densità per metro quadro di negozi di souvenir e di ristoranti al mondo! Un vero delirio di gente… Ma c’è un modo per salvarsi dal carnaio: imboccare una delle stradine laterali, che con alte scalinate di pietra dirigono verso la sommità della roccia: attenzione a non perdervi! Arriviamo all’ingresso dell’Abbazia benedettina del Monte, e come da programma decidiamo di visitarla: sono le 16:30 e all’ingresso ci informano che l’ultima visita guidata in italiano è partita mezz’ora prima – dunque ci toccherà auto-guidarci utilizzando gli opuscoli (almeno quelli sono in italiano!). Il percorso di visita dura circa un’ora ed è obbligato: si percorre una ripidissima scalinata e ci si trova sulla grande terrazza antistante all’Abbazia (la vista sulla Baia qui è davvero meravigliosa), dopo di che si procede entrando nell’Abbazia, a navata romanica e tetto di legno, e poi nella “Merveille” (dove soggiornavano anticamente i monaci) di cui segnaliamo il Chiostro, il Refettorio e altre sale di accoglienza per i pellegrini. Se posso permettermi di darvi un consiglio, valutate bene se visitare o meno questa Abbazia: senza una contestualizzazione storico-artistica (in cui non può mancare la leggenda della genesi del Monte) la visita perde tutto il suo senso, ma non è vana se consideriamo che la vista della Baia dall’alto e la quiete del Chiostro sono speciali.

Dopo la visita, scendiamo con calma ammirando ancora gli scorci dell’Abbazia e la Baia sulla quale il sole sta lentamente tramontando e sulla quale la marea sta lentamente alzandosi. Ci riposiamo qualche minuto e ci mettiamo alla ricerca di qualche souvenir – e non è impresa semplice se si vuole evitare il salasso! Abbiamo potuto constatare che qui ci sono pochissimi alberghi e un mare di ristoranti dai prezzi astronomici… chi pernotta qui davvero se lo deve poter permettere, e possiamo solo immaginare quanto sia bello ammirare l’entroterra di notte dalla sommità del Monte. Ma – tuttavia – è altrettanto bello ammirare il Monte illuminato di notte dall’entroterra!

Usciamo dal Monte e ci instradiamo – al contrario – lungo la strada che abbiamo percorso all’andata sulla navetta. Sono le 19, la canicola ormai ha allentato la morsa e si sta benissimo: decidiamo di fare questi 3 km che ci separano dalla macchina a piedi. Siamo soli – tutti tornano alle auto con le navette – e allontanandosi dal Monte le voci e i rumori diventano sempre più flebili; la luce del tramonto accarezza il Monte e lungo il cammino, questa è la vista: meravigliosa!

Una volta recuperata l’automobile dopo aver pagato il parcheggio agli sportelli automatici (quello per cui eravamo in coda, ovviamente, si è rotto poco prima del nostro turno…), andiamo al vicino paese di Pontorson per cenare: siamo stanchi, ed un bel piatto di moules et frites bagnati da una birra artigianale della zona (Croix des Grèves) ci ritempra prima del ritorno ad Avranches.

CONTINUA CON Viaggio in Normandia: DAY10

Viaggio in Normandia: DAY08

Viaggio in Normandia: DAY08

Mappa degli spostamenti di oggi

normandy-map-day-08

Ci svegliamo tranquilli: oggi non dobbiamo fare tanta strada, visiteremo la vicina Caen, capoluogo delle regione della Basse Normandie e del département del Calvados. E’ una giornata di sole e ce la prendiamo con calma nel percorrere quella ventina di km che ci separano da Caen… la circonvallazione cittadina è comunque abbastanza trafficata ma si procede scorrevolmente, fino a quando d’improvviso ci troviamo davanti un muro di macchine che frenano: cosa succede??? Semplice: c’è una postazione autovelox fissa 😀

Il complesso abbaziale di Saint Etienne

Arriviamo in città e sembra che non ci siano posti liberi per parcheggiare in zona centrale, nemmeno a pagamento…la nostra proverbiale fortuna nel trovare parcheggio ci ha abbandonato? Fortunatamente no: troviamo un posto a strisce bianche di fronte ad una scuola di coreografia in pratica nella via dietro al complesso di Saint Etienne… quindi in centrissimo! 🙂 Passiamo a piedi sull’immensa Esplanade Jean Marie Louvel, che alterna lunghe aree di ciotolato ad aree verdi curatissime e incredibilmente fiorite e che termina con l’imponente palazzo della Abbaye aux Hommes che ospita da pochi decenni il comune di Caen. Andiamo a mangiarci un croissant e poi cerchiamo di costeggiare – giusto oltre la rotonda antistante alla Esplanade – la chiesa diroccata di Saint Etienne Le Vieux: la chiesa è off-limits e transennata, immaginiamo a causa del cattivo stato di conservazione (Caen – in quanto capoluogo della Bassa Normandia – ha purtroppo subito una quantità notevole di bombardamenti alleati durante la Seconda Guerra Mondiale). Peccato. Ci dirigiamo quindi a visitare la chiesa di Saint Etienne (Santo Stefano), che ospita la tomba di Guglielmo il Conquistatore (o meglio, dell’unico osso femorale che ne resta dal momento che le sue povere spoglie furono riesumate e gettate in strade dalla folla in delirio durante le guerre di religione nel XVI secolo). Caen si caratterizza per la presenza di due abbazie, una denominata “aux Hommes” (cioè: degli uomini) ed una “aux Dames” (delle donne), entrambe fatte costruire da Guglielmo il Conquistatore come forma di… penitenza. Infatti Guglielmo aveva per interesse politico sposato la cugina Matilde delle Fiandre e l’unione era stata esplicitamente proibita – per l’eccessiva consanguineità – da papa Leon IX, il quale in seguito minacciò scomunica su Guglielmo  a patto che non avesse costruito due importanti centri abbaziali a Caen. In seguito Guglielmo avrebbe espresso il desiderio che lui e la consorte fossero sepolti nelle rispettive abbazie, e così fu fatto. L’interno dell’Abbaye aux Hommes è abbastanza oscuro, di un gotico svettante ma austero: la luce si intensifica muovendosi verso il transetto, da cui si notaun fine orologio incastonato in un matroneo ligneo sulla navata di sinistra. Non ci fermiamo molto: torniamo al mezzo e ci spostiamo più a nord, trovando immancabilmente parcheggio ad un centinaio di metri dalla Abbaye aux Dames

La Abbaye aux Dames

Raggiungiamo a piedi la Abbaye aux Dames , dedicata alla Trinità, che si trova in una piccola piazza che funge da isola pedonale. Entriamo: questa volta l’interno è più luminoso (sarà anche dovuto al fatto che nel frattempo il sole si è ovviamente alzato di più in cielo!), la pietra che costituisce i pilastri e gli archi è più morbida e tenue di quella della Abbaye aux Hommes… e al contrario di questa, l’altare ed il transetto sono molto meno luminosi, ma regalano ampie vetrate rosate e una cupola affrescata. Bè, tutto sommato, verrebbe da dire che questa abbazia è stata costruita e caratterizzata con uno stile più… aux Dames! 😉 Putroppo non possiamo visitare l’altare, e quindi vedere la tomba di Matilda delle Fiandre, perché è chiuso: ci sono tre togati (gli abati, probabilmente) che stanno celebrando in latino – sinceramente non capiamo quale genere di orazione/celebrazione…

Si fa ora di pranzo e ci muoviamo verso il centro, in zona castello: incontriamo le rovine della chiesa di Saint Gilles – di fronte a noi non c’è che qualche volta sventrata dalle bombe nel 1944. Capiamo di essere in zona molto centrale della città dato l’elevatissimo numero di ristoranti e pizzerie, tutti uguali ed uno di fianco all’altro… per il pranzo decidiamo di andare di pizza, e non c’è che l’imbarazzo della scelta – ovviamente al ribasso come costo, tanto sappiamo già che una pizza buona molto probabilmente non la mangeremo (siamo pur sempre italiani!).

Lo Chateau Ducal

Pranziamo con calma, e completiamo il tragitto che ci separa dallo Chateau Ducal. La sola vista delle mura del castello è bellissima: il castello è parco cittadino, dunque è aperto al pubblico (e di gente ce n’è tanta), e come ogni parco che abbiamo visto durante la vacanza dimostra una cura del verde e dei fiori impeccabile.

Decidiamo di visitare, prima di entrare nel castello, la cattedrale di Saint Pierre, capolavoro gotico flamboyant: la facciata purtroppo è parecchio sporca – e non potrebbe essere altrimenti visto che l’ingresso da su una strada trafficata – ma l’interno merita davvero. Balza subito all’occhio entrando un organo molto moderno installato sull’antico matroneo, e nelle volte delle cappelle dietro all’altare si notano dei finissimi finti candelabri di marmo scolpiti direttamente nelle volte e pendenti come stalattiti. La chiesa – come del resto molti edifici sacri in Normandia – espone vari documenti fotografici che attestano lo stato della struttura in seguito alla battaglia di Normandia del 1944… ci colpisce in particolare una foto che ritrae Saint Pierre quasi illesa e tutto attorno cumuli di macerie alti metri!

Entriamo – infine – nel castello. Procediamo lungo una rampa in lieve salita, mentre immortalo con la macchina fotografica le maestose bandiere (quella della Basse Normandie e ovviamente quella francese) che svettano sui bastioni. In luogo dell’antico ponte levatoio è stato messo un pontile di legno che conduce attraverso il portale principale, e subito ci si trova a dover affrontare una piccola salita che conduce alle ripide rampe di accesso ai bastioni – in gran parte percorribili a piedi e dai quali si ammira una vista mozzafiato sulla skyline di Caen e sulla vicina Saint-Pierre – e all’ampio  cortile interno. Per prima cosa saliamo sulle scale che portano ai bastioni, per fare qualche foto: qua e là ci sono dei cannoni leggeri, ancora puntati verso l’orizzonte, mentre sul lato interno si ammira un cortiletto dove su pali di legno di altezze diverse sono montate modernissime sculture metalliche raffiguranti strani animali (serpente a nove teste, uomo-scimmia, pesce alato… l’artista si deve essere ispirato ai bestiari medievali!). Scendiamo dai bastioni e raggiungiamo un piccolo orto botanico dentro al quale sono coltivate molte erbe usate nei secoli addietro come medicamento. Di fianco all’orto, c’è un’area transennata alla quale i turisti e i cittadini non possono accedere: c’è in corso uno scavo per riportare alla luce un’ala della “prima versione” del castello – quella costruita da Guglielmo il Conquistatore nel XI secolo – che è stata sommersa durante i secoli dai detriti provenienti dai lavori di ampliamento delle aree interne. Ci incuriosisce il fatto che lo scavo sia portato avanti da giovani studenti universitari di archeologia: chissà se gli studenti di archeologia delle facoltà italiane possono lavorare (il che – intendiamoci – significa praticamente sgobbare e portare via carriolate di terra!) negli scavi archeologici? Da profani della materia, non sappiamo darci una risposta. Poco di fianco c’è una ricostruzione moderna – ma fedele – dell’immensa ruota-argano lignea con cui nei secoli addietro si issavano le pietre e gli altri materiali da costruzione per trasportarli all’interno delle mura.

Più avanti c’è una chiesa completamente spoglia ed un piccolo edificio che ospita un museo della Normandia che visitiamo con estremo interesse: contiene reperti archeologico e storici legati alla Bassa Normandia (a partire dall’età paleolitica fino a quella celtica/romana e medievale) ed un’ampia sezione dedicata al folklore e alle tradizioni normanne. Quest’ultima sezione è davvero notevole: attraverso foto d’epoca e anche documenti più …”multimediali” quali ad esempio la filodiffusione delle canzoni folkloristiche normanne è possibile farsi un’idea della vita “di campagna” del normanno a cavallo dell’Ottocento-Novecento; è possibile ammirare gli alambicchi con cui venivano distillati sidro e calvados nelle fattorie, parti dei trattori e dei carri agricoli d’epoca, gli strumenti da cucina usati per la piccola industria casearia locale, ed ancora conoscere le feste paesane, l’arte del merletto normanno, e anche imparare come venivano costruiti i tipici “graticci” nelle case. Sara si innamora letteralmente di un vestito da sposa merlettato di inizio Novecento: bellissimo!!!

Proseguiamo e vediamo da lontano il donjon, ossia l’area di detenzione interna del castello, usata soprattutto durante la Rivoluzione francese. Il donjon non è visitabile ed è separato dall’area interna del castello da un ampio fossato, sul letto del quale notiamo una povera pecora che si aggira senza una meta precisa…

Il rientro a Bayeux

Si fa tardo pomeriggio e fa abbastanza caldo:  usciamo dal castello e decidiamo di farci due passi per la Rue Saint-Pierre, una specie di “via dello shopping” dove troviamo un mucchio di persone e altrettanti negozi di ogni tipo. Facciamo merenda con un bel sidro ed un macaron a testa, comprati rispettivamente in un piccolo supermercato ed in una pasticceria molto affollata: deliziosi!

Torniamo all’auto e ci spostiamo a Bayeux, in centro, a comprare dei souvenir. Questa sera torneremo a cena di fianco all’Etap hotel, in una griglieria convenzionata con questo, dove mangiamo una bella bistecca e torniamo a riposarci un po’, cosa che negli ultimi giorni abbiamo un po’ tralasciato!

CONTINUA CON Viaggio in Normandia: DAY09 …

Viaggio in Normandia: DAY07

Viaggio in Normandia: DAY07

Mappa degli spostamenti di oggi

normandy-map-day-07

Oggi ci svegliamo abbastanza presto perché dobbiamo “intercettare” la direttrice del nostro Etap Hotel per risolvere il piccolo problema di ieri con la prenotazione. Ci vestiamo in fretta e scendiamo in reception: la direttrice è molto gentile e disponibile, e oltretutto parla un inglese con i fiocchi – ergo, problema risolto! Il pagamento era stato effettuato ma Etap non ne aveva avuto conferma dai sistemi informatici di prenotazione del gruppo Accor (maledetti computer, rovinano il mondo – l’ho sempre detto!).

Il programma di oggi prevede un tour sommario dei luoghi storici relativi alla battaglia di Normandia del 1944. Certo, questi luoghi meriterebbero più tempo per essere visitati, ma soprattutto meditati: qui migliaia di uomini e donne – di parte francese, americana e tedesca – hanno perso la vita, e solo per questo motivo dovremmo tutti riflettere non tanto sui meri eventi storico-militari, quanto sul prezzo inestimabile che ha la libertà e su quanto orrore e miseria spirituale porta la guerra. Ammetto di essere impaziente: ho una grande passione per la storia e di conseguenza questo è uno dei momenti della vacanza che più attendevo… prima di partire ho stressato la povera Sara fin troppo per pianificare un itinerario che toccasse più tappe possibili e per documentarci un minimo sui dettagli storici. Ma dobbiamo dire che alla fine ne è valsa la pena!

Nella nostra descrizione daremo dei riferimenti minimi agli eventi storici, senza entrare troppo nei dettagli.

Partiamo!

Sainte-Mère Église

Puntiamo ad ovest verso l’inizio della pensisola del Cotentin: la nostra meta è il villaggio di Sainte-Mère Église, che si trova a circa 60 km da Bayeux. Da qui, “ritorneremo” verso est seguendo il litorale e visitando le località più notevoli, con particolare attenzione alle spiagge dove ha preso vita l’operazione Overlord il 6 giugno del 1944. Sainte-Mère Église è famosa per essere stato il primo comune francese ad essere liberato dai nazisti nella notte del D-DAY, ad opera dell’82° e della 101° divisioni aereotrasportate: alle sue sorti è legata la celeberrima storia del soldato John Steele, che rimase impigliato con il suo paracadute su una guglia del campanile della chiesa del paese e si salvò, fingendosi morto, dal fuoco nemico che impazzava nella sottostante piazza contro i suoi colleghi d’arma.

Una volta arrivati in paese, troviamo senza alcuna difficoltà parcheggio nella via principale, compriamo quattro bei croissant in boulangerie e ci godiamo la nostra colazione seduti su una panchina nella piazza principale. La vista è splendida: la chiesa di Notre-Dame de l’Assomption sulla quale campeggia il “manichino paracadutista” che rievoca l’avventura di Steele. La chiesa è tutta fatta di ardesia nera – non solo il tetto: il suo interno ha pochi punti luce, è come immaginabile (visto anche che il cielo è velato) è poco luminoso, ma ciò nonostante si respira una spiritualità incredibile. Nella piazza sono presenti tabelloni che raccontano quella fatidica notte, anche con l’ausilio di foto d’epoca: me n’è rimasta impressa una dove una colonna di soldati americani, all’imbrunire, percorrono la via principale del paese (uno di loro a cavallo di un asino), rastrellando le case circostanti in cerca di soldati tedeschi.

Altra tappa obbligata qui a Sainte-Mère Église, a pochi passi dalla piazza, è il grande Museo Airborne, dedicato in modo speciale al corpo dei paracadutisti e che raccoglie una serie di cimeli di guerra notevoli. La struttura è organizzata su due padiglioni, sorti attorno ad altrettanti velivoli d’epoca – un aliante WACO ed un C-47 – che sono stati lasciati nella loro posizione originale d’atterraggio e restaurati. All’ingresso del museo campeggiano un carro armato, postazioni di contraerea, due jeep ed un obice di fattura americana. Per visitare i padiglioni ci vuole veramente un sacco di tempo, ed è consigliabile arrivare conoscendo già a grosso modo come sono andati gli eventi storici dal momento che la contestualizzazione storica dei reperti è scarsa. La visita è organizzata lungo vetrinette che si dispongono circolarmente attorno ai due velivoli, che sono stati “popolati” di manichini vestiti ed equipaggiati di tutto punto. Nelle vetrine sono esposti cimeli americani, tedeschi e francesi di rara fattura ed alcuni in straordinario stato di conservazione: sono tutti oggetti ritrovati nelle vicinanze del paese e per lo più donati volontariamente dalla popolazione nei decenni. Si ammira di tutto: dalle armi leggere (pistole, fucili, semi-automatiche) alle armi pesanti (mitragliatrici, bazooka, panzer-faust), dai manifesti americani incitanti alla resistenza ai giornali d’epoca, dagli strumenti medici usati per operare sul campo ai generi di prima necessità come le razioni, le sigarette ed i kit per la rasatura, dalle cartine di atterraggio alle mostrine, dalla corrispondenza post-bellica dei soldati con gli abitanti del paese alle uniformi. Insomma, se vi piace questo genere di cose, siete nel posto giusto: io ci sarei rimasto per ore ed ore, e mi sono anche commosso come una mammoletta quando ho letto il racconto dell’amicizia tra un soldato americano ed uno tedesco nata proprio durante i giorni della battaglia di Normandia (io difficilmente piango per qualcosa di non tragico, ho detto tutto…).

Utah beach (Sainte-Marie du Mont)

Tra una foto e l’altra – mannaggia! – la batteria della macchina fotografica ha perso già di tono…e sono solo le 11 del mattino! Il tempo è tiranno, dunque si prosegue verso una meta non prevista, ma visto che il sole sta spuntando….Utah beach! Lasciamo l’auto in un grande campo e ci dirigiamo a piedi verso i bianchi monumenti commemorativi che ricordano lo sbarco americano, posti sulla cima di una collina artificiale (sotto c’era un bunker tedesco) alla quale si accede attraverso un’ampia scalinata. Da qui si ammira la bellezza della spiaggia di sabbia fine…una cosa che mi incuriosisce molto è il constatare la serenità di questi luoghi, meta delle visite di migliaia di visitatori ogni anno: sembra di osservare una spiaggia dove nessun uomo ha mai messo piedi, le case più vicine sono a poche decine di metri dal mare e sono piccole tenute di campagna. Facciamo quattro passi sulla sabbia, raccogliamo un po’ di conchiglie…ci rilassiamo! La brezza è leggera e il cielo si sta sgombrando dalle nubi.

Pointe du Hoc (Cricqueville-en-Bessin)

Il fuoriprogramma ad Utah ci costringe purtroppo a saltare la visita al cimitero di guerra tedesco di La Cambe: la cosa ci spiace perché trovavamo giusto visitare un camposanto tedesco che uno americano (per “par-condicio”, si direbbe), ma purtroppo andare a La Cambe ci farebbe deviare troppo dal percorso stabilito e sacrificheremmo altre mete. Decidiamo quindi di fare i conformisti e di visitare – nel pomeriggio – solo il cimitero americano di Colleville-sur-mer.

Proseguiamo verso Criqueville-en-Bessin, dove in località Insigny-sur-mer si trova il Ranger Memorial, sul promontorio di Pointe-du-Hoc. Tutta quest’area è stata pesantemente craterizzata dai colpi d’artiglieria provenienti dalle navi da guerra alleate che cercavano di distruggere il bunker dove alcuni cannoni tedeschi stavano mettendo a serio repentaglio gli sbarchi di truppe nelle spiagge vicine (come Omaha): già arrivando a piedi verso la sommità della scogliera si apprezzano questi immani crateri, alcuni di più di una dozzina di metri di diametro e tutti ricoperti d’erba. Il percorso di avvicinamento ai bunker si snoda su sentieri sterrati che lambiscono i crateri. Il bunker principale è circolare ed è posto sulla sommità di una ripidissima scogliera rocciosa e reca un obelisco di pietra ad imperitura memoria dell’impresa compiuta da un manipolo di soldati ranger americani, addestrati alla scalata su roccia, la cui disperata missione fu di raggiungere questo bunker dal basso, sotto il fuoco diretto nemico, per mettere fuori combattimento i cannoni tedeschi. La sorte volle che mentre i ranger scalavano la parete e subivano pesanti perdite, i tedeschi riuscissero a spostare altrove l’artiglieria vandificando così in parte il sacrificio della scalata. E’ tuttora possibile entrare nelle spoglie e labirintiche viscere del bunker tedesco: entrare lì dentro – così come guardare a picco sulla scogliera – ti fa quasi immaginare l’infuriare della battaglia.

Omaha beach (Saint-Laurent-sur-mer)

La prossima tappa è la celeberrima Omaha beach.  La spiaggia è molto estesa, ricade su tre comuni: Vierville-sur-mer, Saint-Laurent-sur-mer e Colleville-sur-mer. Noi siamo diretti nell’area dove si trovano i monumenti commemorativi dello sbarco, che si trova nel comune di Saint-Laurent-sur-mer. Sono circa le 14:30 e prima di scendere fino alla spiaggia ci fermiamo ad una tavola calda in stile “Happy days” dove ci mangiamo una baguette veloce: il posto, come è immaginabile, è frequentato anche da turisti americani anche se vista l’ora tarda si sta svuotando. Scendiamo verso il litorale e parcheggiamo poco prima di una grande rotonda…tra essa e la spiaggia vera e propria si trovano due grandi monumenti. Il primo assomiglia ad una grande pinna di pietre quadrate e porta scritto in altorilievo: “the allied forces landing on this shore which they call omaha beach liberate europe – june 6th 1944”. La spiaggia è abbastanza frequentata (nonostante si sia di nuovo annuvolato e ci sia vento, qualche temerario fa il bagno!) ed assieme a noi salgono sul basamento del monumento alcuni bambini che giocano a rincorrersi…sono piccoli, non hanno idea di cosa è successo su questa spiaggia, e mi auguro che quando cresceranno possano vivere in un mondo dove non ci sia bisogno di ricordare simili eventi a difesa della pace. Più in là, sul bagnasciuga, si trova il secondo monumento: di recente costruzione (2004, il sessantenario del D-DAY), è costituito da “vele” e pilastri metallici che prorompono dalla sabbia. Tutto intorno sventolano impetuose le bandiere di vari stati (Francia, USA, Germania, Regno Unito, Canada, Olanda, Norvegia e Polonia). Facciamo quattro passi su un piccolo pontile per scattare alcune foto, ma il vento è davvero fastidioso e dunque decidiamo di proseguire il percorso. Stare qui, nonostante la calma e la rilassatezza dell’ambiente e dei turisti, lascia il cuore triste…e questa sensazione aumenterà a dismisura nella prossima tappa.

Cimitero di guerra americano (Colleville-sur-mer)

Come deciso, ci muoviamo verso il cimitero di Guerra Americano di Normandia a Colleville-sur-mer. Già dal parcheggio enorme e con area pulmann, capiamo che questo è uno dei posti più visitati della zona: forse, ma sto azzardando, è il luogo di Francia più visitato dai turisti americani. Come tutti i cimiteri di guerra, questo è suolo americano: all’entrata si fa la fila – che scorre via abbastanza velocemente – per passare il controllo degli zaini con metal detector e la loro ispezione. Una volta entrati, ci rendiamo conto che il camposanto è davvero immenso ed il verde è perfettamente tenuto…ci sono ampie aiuole, siepi, grandi alberi, è un luogo che ispira pace. Senza contare che si gode di una magnifica vista sul mare e su Omaha beach – che volendo si può anche raggiungere attraverso un tortuoso sentiero immerso nel verde. A poche decine di metri si apre una vista incredibile: un’immensa area tombale rettangolare lunga circa 400 metri, alla quale si accede costeggiando un ampio stagno di ninfee. All’estremità da cui arriviamo si trova il Memorial, monumento agli oltre 1500 caduti americani della battaglia di Normandia che non sono stati identificati o ritrovati: è costituito da una piccola “piazza”ornata con alberi e fiori, con al centro un’altissima statua rappresentante il sacrificio dei militi ignoti. Tutto attorno alla statua c’è un ampio porticato semicircolare sul quale sono scritti i nomi dei soldati e cartine che spiegano le principali fasi dell’impegno USA nella Seconda Guerra Mondiale.

Attraversiamo lo stagno rettangolare e ci troviamo nel camposanto vero e proprio, che conta 9387 croci bianche, organizzate a matrice e raggruppate in sezioni divise qua e là da piccole aiuole. Ogni fila è numerata, di modo che ogni tomba possa essere rintracciata. Su ogni croce c’è scritto un nome, un cognome, un grado militare, una data di morte e uno stato americano di nascita. Sotto ogni croce, c’è una vita che è stata spezzata per un motivo inutile: la guerra… e vedendo sepolti qui sotto ai tuoi piedi dei ragazzi della tua età o anche più giovani, bè, ti fai delle domande. Te ne fai tante!!! E anche quando il tuo sguardo “screma” tra i turisti e riconosce molte persone che vengono qui a trovare i propri cari che non ci sono più, portando fiori e pregando.

Questo è un posto dove avremmo voluto trascorrere molto più tempo, per svariati motivi…ma purtroppo il tempo ci indica la via del ritorno, e dunque torniamo all’ingresso e scendiamo sottoterra, dove si trova il Visitor Centre: un’immensa area pensata per “raccontare” la guerra come l’hanno vissuta gli americani, attraverso strumenti multimediali e molti reperti. Nel particolare, ci sono schermi che proiettano filmati d’epoca, foto e l’audio registrato dai soldati sopravvissuti che raccontano i momenti e i ricordi delle battaglie e della loro vita sotto le armi. Noi purtroppo vediamo il Visitor Centre molto di fretta, un quarto d’ora e siamo già fuori, ma vi consigliamo di visitarlo bene se potete: è un luogo adatto anche a raccontare le vicende di guerra ai più piccoli o a chi non conosce molto bene la storia (a patto però che parliate e leggiate l’inglese e/o il francese!).

Longues-sur-mer

Riprendiamo l’auto mentre si sta facendo tardo pomeriggio e un timido sole è ricomparso all’orizzonte. Oggi è una giornata molto….normanna come tempo atmosferico! 🙂 Ci dirigiamo verso Arromanches-les-bains, ma prima di arrivare e appena lasciata alle nostre spalle Port-en-Bessin, ci fermiamo poco fuori dal villaggio di Longues-sur-mer perché qui si trovano delle batterie di cannoni tedeschi molto ben conservate. Ci si arriva a piedi attraverso uno sterrato di poche decine di metri, tra i campi di grano. Ogni cannone si trova in un bunker semicircolare ed aveva il chiaro intento di sparare alle navi sulla Manica: ovviamente i tedeschi avevano predisposto queste armi per contrastare la flotta di invasione anglo-americana. I cannoni sono ancora puntati verso il mare, uno di loro è anche rialzato a circa 60° dal terreno! Entriamo nei bunker e constatiamo che i meccanismi di puntamento e rotazione dei cannoni sono stati lasciati quasi intatti.

Gold beach e Port Winston (Arromanches-les-bains)

Proseguiamo verso l’ultima tappa di oggi: Arromanches-les-bains. Qui si trova Gold Beach, teatro dello sbarco delle unità inglesi e luogo notevole per la presenza dei resti di una delle più incredibili opere di ingegneria mai realizzate: un porto artificiale costruito con compartimenti metallici assemblati sul Tamigi e trasportate qui per via navale. Questo porto fu chiamato Port Winston (in onore di Churchill) e la sua costruzione fu necessaria per garantire un punto di sbarco di uomini, mezzi e merci sulle coste normanne che fosse protetto dalle maree e dalle intemperie della Manica. Siccome nessuna delle spiagge del D-DAY era per sua natura adatta a permettere attracchi sicuri (tant’è che non ci sono porti), allora gli inglesi costruirono questo porto artificiale – che fu determinante per gli approvvigionamenti alle truppe che, nelle settimane successive al D-DAY, dovevano reggere l’urto dei contrattacchi tedeschi. Il porto venne distrutto da una tempesta, ma se ne ammirano ancora dei tratti poco al largo e – con la bassa marea – se ne possono anche raggiungere alcuni. Noi siamo fortunati: ora c’è bassa marea e ci spingiamo a piedi fino a toccare uno dei comparti metallici, in gran parte ricoperto di alghe. Fantastico, stiamo toccando con mano la storia!

Ritorno a Bayeux

E’ stata una giornata a dir poco vibrante. Siamo affamati: torniamo direttamente in centro a Bayeux per mangiare una meritata galette ed assaggiare un “cidre poirée” (di certo, non alle nostre aspettative) prima di goderci lo spettacolo del “son et lumière” che vede la cattedrale illuminata da luci multicolori…davvero incantevole!

CONTINUA CON Viaggio in Normandia: DAY08 …